Presentazione

In questo blog, navigatore intrepido, troverai le mie avventure con il software libero, sopratutto ma non esclusivamente quelle relazionate con i programmi di videoscrittura e la tipografia.

Ci saranno articoli su LyX, una magnifica interfaccia grafica per [Xe|Lua]TeX, e LibreOffice (trovi pure un libro in italiano su LibreOffice Writer), ma  parlerò anche dei diversi font con licenza libera che trovai negli anni e, se capita, su Linux e tante altre cose.

L’italiano non è la mia madrelingua, perciò chiedo scusa per gli errori che ci saranno sicuramente: farò il mio meglio per evitarli.

Oltre a seguire questo blog utilizzando gli strumenti qui a destra, puoi trovare la mia (scarsa e multilingue) attività su Mastodon.

Tutta l’informazione che troverai in questo sito è distribuita con licenza CreativeCommons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (CC BY-NC-SA 4.0)

Tu sei libero di:

  • Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere
  • Il licenziante non può revocare questi diritti fintanto che tu rispetti i termini della licenza.

Alle seguenti condizioni:

  • Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.

Commenti e contatti

Per evitare lo spam, i commenti si chiudono automaticamente dopo tre mesi della pubblicazione degli articoli. Se vuoi contattarmi al di fuori della sezione dei commenti del blog (per esempio, per sgridarmi per i miei errori 😉 ), hai a disposizione un paio di metodi.

Primo metodo: puoi trovarmi in Mastodon, come l’utente @RGBes@mastodon.social: è sufficiente scrivere un toot facendo riferimento al mio utente e subito saremo a contatto!

Secondo metodo: puoi utilizzare il formulario che trovi a continuazione

Attenzione: se dopo scrivermi ti trovi che non vedi una risposta sulla tua email, ti prego di controlla la cartella spam che i fornitori di email sono diventati un tanto paranoici in questi tempi.