Latin Modern: portando i font originali di Knuth all’era unicode

Donal Knuth non è soltanto un matematico, non è soltanto un programmatore, non è soltanto il creatore di TeX: lui anche ha sviluppato dei font. Nel volume  E di Computers & Typesetting descrive  i font «Computer Modern» che da quel momento sono stati e continuano ad essere i font predefiniti in buona parte dei documentclass LaTeX.

Il problema con Computer Modern è lo steso problema che si ha con tutti i font creati per (La)TeX in metafont: diventa una storia utilizzarli in qualsiasi lingua diversa dell’inglese.

La gente del gruppo GUST (gli trovammo al parlare dei font TeX Gyre) si ha dato dunque al lavoro di tradurre questi font in una «superfamiglia» in formato OpenType, offrendo supporto per più lingue senza perdere una delle caratteristiche più interessanti dei font originali: le diverse «dimensioni ottiche».

The Latin Modern (LM) Family of Fonts

NOTA: Gli utenti Linux con TeXLive installato sicuramente avranno questi font nei loro sistemi.

Trovate più informazione sulle «dimensioni ottiche» nel mio articolo sui concetti tipografici.

Il testo superiore (in grigio) fu creato in 10 pt e aumentato del 400% mentre che quello sotto fu creato in 5tp e aumentato del 800%

NOTA: L’unico modo di utilizzare queste dimensione ottiche e con XeTeX o LuaTeX (qualcuno ha detto qualcosa su LyX?…), non possono usarsi in Writer.

Oltre alle legature tipografiche normali e i numerali «stile antico», i font Latin Modern non offrono tantissime caratteristiche OpenType avanzate. Infatti, i veri maiuscoletti si trovano come un font indipendente ed è pertanto necessario definire una nuova famiglia di font per utilizzarle.

Oltre ai font mostrati nella schermata si ha Latin Modern Mono Light (una versione più leggera), Latin Modern Mono Light Condensed (una versione più stretta), Latin Modern Mono Prop (una versione con larghezza proporzionale del font monoespaciaz… 😯 ), Latin Modern Mono Prop Light ( 😯 😯 ), Latin Modern Mono Slanted (una versione inclinata, che non è lo stesso che il corsivo), Latin Modern Roman Demi (una versione seminegrassetto), Latin Modern Roman Dunhill (una versione per titoli grandi), Latin Modern Roman Slanted (una alternativa al corsivo), Latin Modern Roman Unslanted (una versione «raddrizzata» del corsivo… 😯 😯 😯 ), Latin Modern Sans Demi Cond (una versione semigrassetto e più stretta della Sans) e Latin Modern Sans Quotation (una versione più «larga», per testi piccoli).

Per ultimo si ha anche un font chiamato Latin Modern Math da essere utilizzato in XeTeX insieme al pacchetto unicode-math per scrivere le nostre formule.

Se si confronta la b di f(b) con la b del limite della integrale si vede che le diverse «dimensioni ottiche» si usano automaticamente.

In sintesi, una imponente famiglia di font.

Annunci

Commenti?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...