Più sul supporto OpenType in LibreOffice 5.3+

Un paio di messi fa ho commentato che LibO 5.3ci ha regalato il supporto OpenType completo. Questo certamente vuol dire che la prossima edizione di certo libro (quando arrivi) verrà con il capitolo sulla tipografia completamente riscritto… E beh, mentre aspettiamo ho pensato che sarebbe una buona idea scrivere un articolo più dettagliato sull’argomento.

Per utilizzare le specialità OpenType in LibO 5.3+ si deve aggiungere una «etichetta» al nome del font. Per esempio, per attivare simultaneamente i set stilistici 1 e 11 in Vollkorn, quando viene selezionato il font per il testo doviamo scrivere

Vollkorn:ss01&ss11

I due punti iniziano la «sezione delle etichette» nel nome del font e il segno & separa le etichette utilizzate.

Però c’è di più. Si può anche disabilitare qualche opzione del font. Per esempio, il font Sukhumala ha delle strane legature contestuali che sostituiscono aa con ā, ii con ī e uu con ū. Per disabilitare le legature contestuali in Sukhumala è sufficiente chiamare l’etichetta corrispondente a quella caratteristica, «clig», con un meno davanti:

Sukhumala:-clig

Tutto lì. Certamente non è un sistema user friendly, specialmente considerando che la casella per il nome del font può risultare un tanto piccolo per presentare il nome completo del font con tutte le etichette… ma funziona! E questo è molto meglio di quello che (non) c’era prima: un passo alla volta, che così si arriva!

Come sempre, per una lista delle etichette OpenType disponibili la pagina di Dario Taraborelli risulta un magnifico punto di riferimento.

Solo una cosa da considerare: non tutti i font presentano queste specialità! Dunque, se dopo aver aggiunto un’etichetta niente è cambiato molto probabilmente il problema sia del font e non di LibO 😉

Annunci